CASA DI RIPOSO FIRENZE CASA DI RIPOSO ANZIANI FIRENZE OSPIZIO PER ANZIANI A FIRENZE CASA DI RIPOSO PER PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI FIRENZE VALDARNO TOSCANA CENTRI RESIDENZIALI RICOVERI DIURNI PER ANZIANI CASE ALBERGO PARCHEGGI OSPIZI ANZIANI SERVIZI PER ANZIANI OSPITALITÀ ANZIANI DIURNO RSA IN FAMIGLIA ASSISTENZA ANZIANI ASSISTENZA ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI A FIRENZE SERVIZI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI FIRENZE CENTRO PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI FIRENZE RESIDENZA PER ANZIANI MALATI DI ALZHEIMER MODULO SPECIALISTICO SOCIALIZZAZIONE RIABILITAZIONE SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA RESIDENZA PER ANZIANI RICOVERI TEMPORANEI DEMENZE ANZIANI ANZIANI CON ALZHEIMER RIABILITAZIONE ANZIANI RICOVERI DI SOLLIEVO ANIMAZIONE PER ANZIANI ANIMAZIONE PER SOCIALIZZAZIONE RICOVERI POST OSPEDALIERI PER ANZIANI RICOVERO DIURNO PER ANZIANI SERVIZI PER ANZIANI BAGNO ASSISTITO PER ANZIANI SOSTITUZIONE BADANTE SOSTITUZIONE BADANTI RICOVERI FINE SETTIMANA RICOVERI WEEK END GESTIONE ANZIANI SOLUZIONI PER ANZIANI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI CASA RIPOSO CENTRO RESIDENZIALE OSPIZIO ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI OSPIZI RICOVERO ANZIANI RESIDENZE ANZIANI SERVIZI ACCREDITAMENTO ANIMAZIONE SOCIALIZZAZIONE MODULO SPECIALISTICO RECUPERO ANZIANI MALATI AFFETTI MALATTIA ALZHEIMER STRUTTURE PER ANZIANI SOGGIORNI PER ANZIANI SOSTEGNO ANZIANI FIRENZE ACCOGLIENZA ANZIANI BENESSERE ANZIANO SERVIZIO ASSISTENZA ANZIANO 24 ORE FIRENZE CASA FAMIGLIA ANZIANI CASE FAMIGLIA ANZIANI CASA DI RIPOSO PER ANZIANI CASE DI RIPOSO PER ANZIANI CASA DI RIPOSO PER LA TERZA ETÀ CASA ALBERGO PER ANZIANI FIRENZE ASSISTENZA ANZIANI ASSISTENZA TERZA ETÀ OSPITALITÀ ANZIANI ALLOGGIO PER ANZIANI SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA SERVIZI CONFORT PALESTRA TV ATTIVITÀ RIABILITATIVE RIABILITAZIONE FISIOTERAPIA CHIESA PRIVATA PARCO PARCHEGGIO CUCINA INTERNA ANIMAZIONE BREVI LUNGHE DEGENZE ASSISTENZA MEDICA PERSONALE QUALIFICATO SPECIALIZZATO REGGELLO SAN DONATO IN FRONZANO ITALIA TOSCANA FIRENZE VALDISIEVE VALDARNO MUGELLO ITALY TUSCANY FLORENCE SIEVEONLINE NETWORK

Home Page

 

Una Grande Casa

La Carta dei Servizi

La Galleria Fotografica

Novità ed Eventi

I Nostri Links

CASA DI RIPOSO FIRENZE

HOME PAGE



Azienda Convenzionata
SST Firenze

LA CARTA DEI SERVIZI

   NOVITA' ED EVENTI

Indice Notizie  

      NOTIZIE E INFORMAZIONI UTILI

                     IL PROCESSO DELL'INVECCHIAMENTO

<<<

L'invecchiamento è un processo che interessa tutti gli organismi viventi e che comporta modificazioni biologiche. Nell'uomo si assiste a tali modificazioni del corpo e delle sue funzioni, seguite da un processo di adattamento psicofisico, già dopo i 30 anni; il fenomeno è graduale e progressivo, anche se variabile per ogni individuo. Tuttavia la vecchiaia può assumere un significato positivo e può essere vissuta nel modo giusto ...non è soltanto il momento della saggezza, ma può essere anche quello della creatività.

L'invecchiamento fisico:

L'aumento della popolazione anziana rappresenta un fenomeno importante della nostra società. Rispetto al passato non è variata la durata massima della vita umana, ma quello che si è modificato drasticamente è la percentuale degli individui che raggiungono l'età avanzata. Il numero di anziani in Italia di età compresa fra i 65 e 74 anni è 8 volte maggiore rispetto l'inizio del secolo scorso, mentre gli anziani con età superiore a 85 anni sono aumentati di oltre 24 volte. A conferma di ciò studi compiuti in America, sempre nel secolo scorso, stimavano che solo il 2% della popolazione superasse i 65 anni, mentre attualmente la percentuale è dell'11%, e questa percentuale è destinata ad aumentare. Gli anziani sono sempre più numerosi e raggiungono la vecchiaia in migliori condizioni di salute, merito del progresso sia delle conoscenze scientifiche (riduzione della mortalità per malattie infettive) che delle condizioni socio-economiche (miglioramento dell'igiene e dell'alimentazione). L'aumento della popolazione anziana ha determinato la nascita di nuove discipline:
la geriatria (dal greco geros=vecchio, iatros=medico): branca della medicina che si occupa non solo della prevenzione e del trattamento delle patologie dell'anziano, ma anche dell'assistenza psicologica, ambientale e socio-economica.
la gerontologia : scienza che studia le modificazioni derivanti dall'invecchiamento.
la geragogia : scienza che studia tutte le possibilità per invecchiare bene.

Esiste tutt'oggi difficoltà a stabilire l'inizio del processo di invecchiamento, processo caratterizzato dall'aumento dei processi distruttivi su quelli costruttivi a carico del nostro organismo.

Si usa comunemente considerare le seguenti fasce di età:
età di mezzo o presenile 45-65 anni : gli eventi biologici caratteristici sono la menopausa per la donna e l'andropausa per l'uomo, importanti per le modificazioni bio-umorali (aumento dei grassi nel sangue, della glicemia, predisposizione all'ipertensione arteriosa).
senescenza graduale, 65-75 anni : comunemente si indica l'età corrispondente all'inizio della vecchiaia a 65 anni.
senescenza conclamata, 75-90 anni : in passato individui di età superiore ai 65 anni mostravano riduzione dell' efficienza psicofisica, ai giorni nostri si assiste alla comparsa di ultrasessantacinquenni efficienti, e si può ridefinire anziano l'ultrasettantacinquenne.In questo periodo le malattie che insorgono tendono a cronicizzarsi ed a determinare interventi assistenziali sociali e riabilitativi.

Biologicamente si assiste ad una generale riduzione del numero delle cellule (atrofia) ed una diminuzione dell'efficienza funzionale, accompagnata da modificazioni organiche e predisposizione ad una serie di disturbi.

L'invecchiamento psichico.

La psicologia dell'invecchiamento si occupa dell'anziano nella sua globalità: analogamente ad ogni fase della vita umana non si può prescindere dall'importanza della componente affettiva che determina la modalità di risposta agli eventi della vita.
Si è visto che la vecchiaia è caratterizzata da modificazioni in senso peggiorativo, ma si può affermare che non esiste un parallelismo fra le modificazioni delle funzioni in individui diversi (eterocronia dal greco eteros=diverso e cronos=tempo).

La modalità di invecchiamento non può prescindere dalla personalità e dalle esperienze, la vecchiaia rappresenta la sintesi del significato dell'esistenza: è nella vecchiaia che si può raggiungere la saggezza.

Già nell'antichità si riteneva che la vecchiaia fosse sempre accompagnata da deterioramento mentale permanente, in particolare dal declino patologico delle capacità intellettuali e dell'adeguato controllo dell'emotività (demenza). Leggendo S. Antonio da Padova si trova il termine sene-scere inteso come perdere la cognizione di sé, mentre personaggi come Cicerone (nel De Senectute), Catone e Seneca parlando di vecchiaia mostrano una visione più positiva: la vecchiaia non è solo un processo necessariamente legato al decadimento globale dell'organismo umano. In particolare Catone e Cicerone sottolineavano l'importanza di coltivare molti interessi, fonte di frutti meravigliosi.
Recenti ricerche hanno evidenziato la possibilità di sviluppare situazioni creative proprio nella vecchiaia ; studi condotti con modalità diverse hanno dato risultati diversi rispetto al passato: l'anziano può mantenere la sua efficienza psichica globale se sfrutta le risorse residue, ad esempio mediante l'allenamento mentale, e se motivato.

Studi anatomo-patologici sul cervello mostrarono che nell'invecchiamento si ha una sclerosi progressiva. Eppure esistono dei casi in cui non sono presenti modificazioni cerebrali. Ciò a conferma della variabilità del processo di invecchiamento (eterocronia) fra gli individui. Attualmente si ritiene possibile un recupero delle funzioni cerebrali (fenomeno detto sinaptogenesi).
Le numerose scale di invecchiamento, dal 1950 in poi, dimostrarono che con l'avanzare dell'età diminuiscono funzioni quali la memoria e la capacità di concentramento, frequentemente compaiono alterazioni dello stato emozionale, come avviene nella depressione. Attualmente si è dimostrato che l'anziano è più lento, riflessivo, ma non meno efficiente: i test utilizzati in passato erano caratterizzati da tempi brevi di risposta, ecco che l'anziano non aveva il tempo di risolvere i problemi sottoposti. La biografia di personaggi illustri mostra individui con conservata funzionalità cerebrale anche nella senescenza, anzi molte opere di scrittori, filosofi, artisti, compiute alla fine dell'esistenza, rappresentano il coronamento di tutti i lavori precedenti.
Da notare anche la diversità dei risultati ottenuti da studi trasversali, in cui si confrontano individui di diverse età, e studi longitudinali, in cui si controlla un campione di individui per un lungo periodo di tempo. E' intuitivo comprendere come lo studio longitudinale sia particolarmente difficile da portare a termine, sia per l'intervallo di tempo sia per la graduale perdita o rinuncia dei soggetti campione. Gli studi longitudinali confermano che non è la senescenza la condizione patologica, piuttosto sono gli eventi morbosi a creare le condizioni del rapido declino psicofisico.